Category

Dolci

9142ok

 

Come si aggiusta un pomeriggio sbagliato. Quello strano, col cielo strano e l’aria strana. Rincorro quest’ultimo mese di estate conservandolo nei barattoli sotto forma di marmellate e conserve, eppure c’è sempre qualcosa che mi lascio sfuggire. Meglio così: l’estate va lasciata dove è, nel suo mare blu, nelle sue colline di grano oro, nei suoi pomeriggi oziosi e nelle sue sere stanche. Ci limitiamo a raccogliere gli effetti del sole caldo, i pomodori maturi (gli ultimi), una scottatura che ci abbandona presto (la mia), e quello che la fine di agosto ci lascia: l’ansia e l’urgenza dei primi impegni autunnali, il profumo fresco di settembre alla sera e tutto quello che si inizia a desiderare dell’autunno (compreso il maglione di lana con le renne che vorresti già adesso: si, il countdown è iniziato).

In un pomeriggio sbagliato di fine agosto che preannuncia pioggia, la mia soluzione è una coperta di Linus di farina, zucchero e uova. C’è qualcosa di incredibilmente confortante nel preparare una torta: il momento in cui rompo le uova e prendo la frusta mi libera immediatamente da tensioni, malumori e paturnie (cit). E’ un ritorno a casa dopo tanto tempo.

 

9147ok

 

9148ok

 

Questa è una torta furba: con un vasetto di yogurt si pesano tutti gli ingredienti, e vi serviranno solamente una ciotola e una frusta. Quello che otterrete sarà talmente morbido, soffice e goloso che non riuscirete più a farne a meno!

ps. Consigliato a chi, come me, adora la farina integrale!

 

Vi serviranno:

  • 1 vasetto di yogurt (125 g)
  • 1 vasetto e mezzo di farina integrale
  • 1 vasetto e mezzo di farina 0
  • 1 vasetto e mezzo di zucchero
  • 2 uova
  • ½ vasetto di olio di semi
  • Una manciata di mirtilli
  • 1 cucchiaino di lievito
  • scorza di 1 limone biologico
  • 3 cucchiai di latte (opzionale)

Accendete il forno in modalità statica a 170°. Mescolate in una ciotola tutti gli ingredienti liquidi: le uova, lo yogurt e l’olio. Aggiungete lo zucchero, la farina, il lievito e la scorza di limone avendo cura di mantenere il composto senza grumi. Io ho usato le uova delle galline di mia nonna, che sono leggermente più piccole: se come me non avete uova grandi, potete aggiungere un uovo, o in alternativa 3 cucchiai di latte. Nel mio caso l’impasto è risultato eccessivamente denso, e ho aggiunto uno alla volta i 3 cucchiai di latte.
Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake e versate tre quarti del composto nello stampo. Togliete i mirtilli dal frigorifero (devono essere freddi, altrimenti durante la cottura scenderanno!) e disponeteli sulla lunghezza dell’impasto. Ricoprite con il composto rimanente, aggiungendo infine mirtilli a piacere. Cuocete il plumcake per 45 minuti, facendo sempre la prova con lo stuzzicadenti.

Mentre cucinate: Dionne Warwick – What the world needs now

 

9158ok