Category

Food

Mancano pochi giorni a giugno, ma ancora non riesco a lasciarmi alle spalle le fragole e il loro magico potere. Ovvero, il potere di farti sentire il mare e a campagna allo stesso tempo,  di rinfrescarti in un pomeriggio caldo, di addolcirti i momenti più duri. Tra poco sarà il tempo delle ciliegie, con i loro frutti maturi, rossi e succosi. Le ciliegie che chiamano l’estate, il vino bianco ghiacciato, i piedi nell’acqua a bordo piscina o nell’erba fresca della sera.

Sabato mattina, quando ho infornato questa galette, l’aria profumava di Provenza, di fragole dolci come caramelle e di lavanda in fioritura. Mentre il cielo si faceva sempre più blu, con l’avvicinarsi del mezzogiorno, dalle finestre del paese usciva il rumore dei piatti e delle posate appoggiati sulle tavole, dei coperchi sulle pentole, profumi di sughi, arrosti e dolci pronti a stupire i bambini usciti da scuola. A maggio, il sole non è ancora cocente sull’asfalto, l’aria deve ancora diventare polvere, e il vento fresco sposta i gelsomini sbocciati sui balconi, muove gli steli dei fiori e le vie si riempiono di profumo di rose.

Per questa settimana, datevi un obiettivo. Ossia, trovare un’ora di tranquillità, nelle vostre giornate che vi separano dal prossimo weekend. Prendete una coperta, stendetela all’ombra di un albero e coricatevi. Chiudete gli occhi e respirate. Ascoltate. Toccate i fili d’erba. Sentitevi felici.

 

Ti serviranno:

  • 200 g di farina
  • 100 g di burro freddo
  • 60 g di acqua molto fredda
  • 2 cucchiai di zucchero fine
  • 2/3 cucchiai di zucchero di canna
  • un pizzico di sale
  • 500 g di fragole circa (a proprio piacere)
  • un limone
  • 1 uovo
  • 500 ml di olio di girasole
  • 5/6 foglie di basilico

1- In una ciotola abbastanza grande, setacciate la farina e unite il burro freddo tagliato a pezzetti. Lavorate la farina e il burro assieme con la punta delle dita, fino ad ottenere un impasto sabbioso. Mi raccomando, non lavoratelo troppo, altrimenti scalderete eccessivamente il burro! A questo punto, aggiungete 2 cucchiai di zucchero, un pizzico di sale e l’acqua fredda: impastate velocemente con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo, che avvolgerete in una pellicola e lascerete riposare in frigorifero per 30 minuti.
2- Nel frattempo, lavate e tagliate le fragole, della dimensione e forma che più vi piace (io le ho affettate per la lunghezza, ma possono anche essere tagliate a rondelle!). Conditele con il succo di un limone e 2/3 cucchiai di zucchero di canna.
3- Su un foglio di carta da forno, stendete l’impasto ormai freddo con un mattarello, raggiungendo uno spessore di circa 5 mm. Appoggiate l’impasto su una tortiera precedentemente imburrata e infarinata, ricoprite l’impasto con le fragole condite, ripiegate i bordi della pasta su se’ stessi. Spennellate i bordi con un tuorlo d’uovo e ricopriteli con un pizzico di zucchero di canna. Infornate a 180° per 40 minuti.
4- Nel frattempo, riempite a metà un pentolino dai bordi alti con l’olio di girasole. Lavate le foglie di basilico ed asciugatele accuratamente. Una volta che l’olio ha raggiunto la temperatura, friggete il basilico una foglia alla volta lasciandolo nell’olio non più di 20 secondi (il basilico tenderà a far schizzare l’olio bollente, quindi state molto attenti!). Riponete il basilico fritto sulla carta assorbente.
5- Dopo aver lasciato riposare e raffreddare la galette, decorate con il basilico fritto e servite.

It was the best of times, it was the worst of times, it was the age of wisdom, it was the age of foolishness, it was the epoch of belief, it was the epoch of incredulity, it was the season of Light, it was the season of Darkness, it was the spring of hope, it was the winter of despair, scriveva Dickens, forse non pensando ai miei venticinque anni, ma comunque prendendoci in pieno.

I tempi duri. Il momento in cui devi riconoscere di non avere nessuna verità in tasca. Queste sono parole piene di spine per me, che faticano ad uscire e graffiano le pareti mentre le tiro fuori.

I sogni che ho sono tutti nascosti in un cassetto di legno dalla serratura arrugginita. Da lì escono profumi confortanti di torte, zuppe e fiori di campo, silenzi che scoppiano in risate fragorose, il vento tra l’erba nei campi e tra i rami delle betulle, un orto in cui crescono fragoline di bosco e fiori eduli. Quel cassetto è a forma di casa con un portico fiorito, una grande cucina e un laboratorio sul retro in cui fare magie. Per questo mio sogno ci sono solo colori, profumi, forme e abitudini; non c’è ancora un nome, forse è proprio da inventare, magari in questo mondo ancora non esiste, e allora che cosa faccio? Che strada prendo? Che vita scelgo? A quali sacrifici mi devo arrendere? Cosa si può fare quando la strada che ti rende felice non è segnata da nessuna parte, ma è da costruire, e da spiegare a quelle persone che di strada ne vedono solo una, con qualche buca, ma asfaltata e ben segnalata? E ancora, cosa si fa quando dentro di te convivono due persone diverse, che litigano continuamente, una che spinge avanti senza mai fermarsi, e una che con mille corde ti tira indietro, con il risultato che, alla fine, sei sempre nello stesso punto?
Cerchi di crescere e alzarti guardando tutto con occhi diversi, prospettive diverse, cambiando angolazione fino a quando non trovi il punto giusto. Cerchi, insomma, di prendere questa vita tra le mani, togliere il velo di paura, guardarla negli occhi.

 

Ti serviranno (per due persone):

  • una pagnotta casereccia di semola di grano duro (abbastanza grande)
  • 150 g di caprino morbido
  • circa 100 g di piselli freschi
  • circa 100 g di fave fresche
  • circa 100 g di fagiolini
  • circa 100 g di asparagi
  • circa 100 g di taccole
  • un cipollotto
  • qualche foglia di menta e qualche rametto di timo
  • sale, pepe, olio evo

Se non l’hai già fatto, sguscia i piselli e le fave, pulisci i fagiolini, le taccole e gli asparagi. Cuoci in acqua bollente insieme le fave e i piselli, i fagiolini e le taccole, e per ultimo gli asparagi (questi per massimo 5 minuti). Mentre aspetti che le verdure si lessino, mescola il caprino fino a farlo diventare una crema (se necessario, aggiungi un po’ di acqua di cottura dei fagiolini). Trita la menta e il timo, mescolali al caprino aggiungendo due giri d’olio evo, sale e pepe. Una volta che hai lessato le verdure e sgusciato le fave lesse, trita il cipollato molto finemente e fai soffriggere in una padella con olio evo. Aggiungi una prima volta i fagiolini e le taccole e saltali nella padella per 5 minuti a fuoco medio. Togli i fagiolini e le taccole e, nella stessa padella, salta le fave e i piselli per 5 minuti. Tolti quest’ultimi, fai saltare gli asparagi a fuoco alto per 5 minuti. Una volta saltate tutte le verdure, scalda delle fette di pane abbastanza spesse su una griglia o una padella e componi il crostone: sul pane caldo spalma il caprino aromatizzato alla menta e timo, poi aggiungi i fagiolini con le taccole, i piselli, gli asparagi e le fave. Termina con un giro d’olio, due foglie di menta e una macinata di pepe fresco. Bon appétit!

It’s beginning to look a lot like Christmas. E’ praticamente natale e io avevo lasciato questo blog nove mesi fa, era marzo e la primavera esplodeva nei giardini.
Ora, scelgo volontariamente di bypassare tutte le avventure che hanno separato questo post dall’ultimo che ho scritto [esami-esami-esami-tesi], per arrivare direttamente all’oggi e all’ora. Quindici Dicembre. Uao, cosa è questo dicembre.
Innanzitutto nebbioso, perchè per chi non lo sapesse qui siamo nella felice Pianura Padana, dove a novembre già è difficile capire chi ti sta di fronte. Purtroppo di neve non se ne parla – per ora.. ma che dico, per sempre – e questo provoca enormi giravolte immaginifiche nella mia mente, che già si proietta sulle lande sconfinate della Siberia, o sù nel grande Nord, dove per grande Nord si intende Lapponia inoltrata, sù sù per la Norvegia, la Svezia e la Finlandia, dove da troppo tempo mi immagino ad affumicare salmoni e a intagliare piccole renne di legno. Di questo si parla proprio oggi, del Grande Magnifico Nord che attira gli hipster della Milano bene tanto quanto la sottoscritta. Da dove partire? Ecco, dal design accattivante, pulito ed essenziale, l’uso di materiali semplici, quasi primitivi ma emozionanti, evocativi (toctoc, Ikea, sei tu?). Una cucina raffinata e sostenibile che dialoga con i tempi della natura proponendo accostamenti particolari e innovativi. Ma soprattutto, uno stile di vita invidiabile, adattato alle esigenze climatiche e naturali. Ed ecco nascere l’hygge, un’idea di vita made in Danimarca che spopola in tutta Europa e negli Stati Uniti. E in effetti diciamo che in questo non ho propriamente scoperto l’acqua calda, dato che ormai libri dedicati a questo magico stile di vita ci stanno letteralmente invadendo ( questo, oppure questo, e ancora questo, tutti nella mia wishlist che come vedrete prossimamente non si può di certo definire modesta, eheh). Per quanto sia difficile da tradurre (ah, le meraviglie delle lingue), il sentimento che più si avvicina a comprendere veramente il significato dell’hygge è quello che si prova nell’intimità della propria casa e degli affetti più cari, sentirsi al riparo e mai giudicati, costruire l’ambiente attorno a se’ in modo che diventi il più accogliente possibile, godere delle cose belle della vita e della convivialità. Può essere hygge una candela accesa, il camino nel salotto, una zuppa calda, una tavolata affamata a natale, ma anche un picnic nell’erba verde estiva. Sì, perchè benché l’hygge veda il proprio clou nella stagione natalizia (voglio dire, tutto è più bello a natale), questo concetto ne sfida i confini e si applica ad ogni clima, luogo, nazione. Noi italiani possiamo trovarci parecchie affinità culturali – la famiglia, la convivialità, la condivisione – ma la sua particolarità risiede nella profondità della sua morale, radicata nella convinzione che, ad esempio, per essere felici (aka essere hygge) sia necessario essere se stessi, sempre; o nel fatto che sia fondamentale togliere ogni pesantezza dalle relazioni, dai confronti e discutere e condividere con leggerezza. Insomma, vivere hygge significa vivere con spensieratezza, in armonia, costruire il proprio piccolo rifugio al riparo dal mondo che violento tenta di disorientarci.

 

Assecondando il mio amore per il Grande Nord ho scelto oggi un elogio al salmone. Chi mi conosce lo sa: io venero il salmone. Lo venero in crosta di pistacchi, lo venero come filetto fasciato nei porri, ne venero la tartare, l’affumicatura, il colore acceso, il profumo, che mi ricorda la vigilia di natale, quando ancora era l’unico momento dell’anno in cui mangiavamo salmone. Ora che ne ho imposto la presenza fissa nel mio frigorifero (Omega 3, presente!), è come rivivere ogni giorno la magica vigilia di natale. E poi io credo a chi mi dice che il vero salmone non è veramente questo, che il vero salmone è quello del Grande Nord, quello affumicato lentamente con legni profumati e preziosi, pescato dai sapienti pescatori, col viso segnato dalla vita e dal vento. Un giorno assaggerò anche questo vero e autentico salmone. Per ora, mi sono lasciata ispirare da una fantastica ricetta di Sale e Pepe (ehi, redazione: io a marzo mi laureo, ce l’avete un posticino?), opportunamente modificata. Il salmone addolcito dalla barbabietola sposa la nota acidula del mirtillo, sorretto dalla croccantezza delle noci e dalla leggerezza dello spinacino. Questo è il piatto perfetto per la vigilia di natale all’insegna della convivialità nordica. Viviamo hygge.

 

Vi serviranno:

  • 100 g di salmone affumicato
  • due barbabietole rosse grandi
  • spinacini
  • noci
  • mirtilli
  • olio, sale, pepe

Il giorno prima, disponete le fette di salmone affumicato in un solo strato, comprendole completamente con fette sottili di barbabietola. Ricoprite il tutto con la pellicola trasparente e fate riposare in frigorifero. Il giorno dopo, componete un’insalata con: spinacini, barbabietole tagliate in piccoli pezzi, mirtilli, gherigli di noce tritati. Condite il tutto con sale, olio evo e limone. Scoprite il salmone, togliendo le barbabietole. Servite il salmone con un giro di olio evo, qualche goccia di limone, pepe.

 

IMG_9929OK

E così senza che ce ne accorgessimo siamo tornati all’inverno che non c’è mai stato, neve e tutto il resto. Uao, e io che già pensavo alla primavera mite con i suoi fiori, i suoi profumi, le sue nuvole ciccione.

Queste sono settimane frenetiche, che arrivano al lunedì senza passare dal via, quando invece mi aspetto un po’ di calma, un sabato lento e tranquillo, permettermi il lusso di non sapere come occupare il mio tempo, per un giorno. Invece, pazienza. Arriverà, e ci si accontenta di un’ora al pomeriggio di calma e pace, con una fetta di crostata e un tè aromatizzato.

IMG_9918OKA proposito, la crostata. E questa non ha bisogno di tante descrizioni. Guardatela, così come è. E’ paradisiaca. Una fetta di questa potrebbe facilmente far scomparire tutti i vostri problemi per un’oretta buona, perché non pensereste a nient’altro. Prima, la frolla. Santa la nonna che ha inventato la frolla. Dolce, morbida frolla. E la crema? Soffice e vellutata come nient’altro al mondo. E poi i lamponi: cosa sarebbe questa crostata senza i lamponi.

Quindi oggi, per il Meat Free Monday, si parla di merenda. Una merenda lenta, tra una lezione e l’altra, senza troppi problemi, guardando fuori che per un momento ancora è tornata la primavera, sciogliendo quella neve che è arrivata troppo tardi. Consacriamo questo pomeriggio alla crostata, a un momento tutto nostro.

Vi serviranno:

Per la frolla:

  • 250 g di farina
  • 125 g di zucchero
  • 125 g di burro morbido
  • 1 uovo intero + 1 tuorlo
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 cucchiaio di latte
  • Pizzico di sale
  • Poca scorza di limone

Per la crema:

  • 160 g di zucchero
  • 350 ml di latte
  • 30 g di farina
  • 4 uova
  • mezza stecca di vaniglia
  • un pizzico di sale
  • due fettine di zenzero (facoltativo)

Facciamo la frolla: setacciate la farina e disponetela a fontana su un’asse. Aggiungete lo zucchero e il burro morbido tagliato a listarelle. Lavorate con le mani fino a raggiungere una consistenza sabbiosa. aggiungete l’uovo più il tuorlo, un cucchiaino di lievito, il latte e poca scorza di limone. Impastate fino a rendere l’impasto compatto, formate una mattonella che ricoprirete con carta da forno. Lasciate riposare in frigorifero per un’ora.

Facciamo la crema: scaldate il latte in una casseruola insieme alla stecca di vaniglia. Intanto, montate le uova con lo zucchero, fino ad ottenere una crema molto soffice e spumosa. Aggiungete la farina e un pizzico di sale. Aggiungete il tutto al latte ben caldo, continuando a mescolare. Mescolare in continuazione fino a quando la crema non si sarà addensata. A questo punto, lasciate raffreddare la crema.

Tirate fuori la pasta dal frigorifero e, ben fredda, stendetela con un mattarello e adagiatela su uno stampo per crostata. Ricoprite con un foglio di carta da forno e fagioli secchi (in alternativa, arrotolate della carta da forno e sistematela a cerchio sulla crostata negli angoli). A piacere, con la pasta rimanente, potete formare biscottini da mettere sulla crostata. Cuocete in forno a 175° per 30 minuti circa. Lasciate raffreddare.
Versate la crema pasticciera sulla crostata, livellatela, decorate con lamponi e biscottini a piacere. Una spolverata di zucchero a velo, ed è pronta per essere gustata! Bon appétit!

IMG_9838OKOggi è un lunedì strano di fine inverno, in un pomeriggio in cui sento di aver dormito decisamente troppo, un lunedì che è quasi un prolungamento della domenica. Piove ora e ha piovuto tutta la notte e tutta la giornata di ieri, e un po’ è quello che ti succede dentro in questa primavera che sta arrivando. Giorno dopo giorno vige l’ansia come regola di vita che ti fa sembrare il presente e il futuro impossibili da gestire e da affrontare. Sta tutto nel capire come prendere le cose per come sono, senza costruirci castelli e problemi aggiuntivi. Senza caricare d’ansia la quotidianità. Magari affrontando una giornata alla volta, un’ora alla volta, senza pensare al resto. Sfruttare le valvole di sfogo. Prendere quello che ti alleggerisce l’anima e il resto buttarlo via senza pensarci. Non lasciare che la prospettiva ti soffochi.

Intanto: è lunedì, si torna a Trento, pensiamo ad oggi. Domani è un altro giorno.

IMG_9854OKPer la vostra cena all’insegna del Meat Free Monday, involtini di cavolo cappuccio con patate, brie e una spolverata di timo. Buonissimi e golosissimi, scaldano il cuore in una serata piovosa.

 

Vi serviranno:

  • una verza
  • 6 patate medie
  • un etto di brie
  • tre cucchiai di latte
  • olio evo
  • sale, pepe
  • rosmarino, timo

Bollite le patate in abbondante acqua salata, scolatele quando diventeranno morbide e lasciatele raffreddare. Togliete le foglie esterne della verza (cinque o sei) aiutandovi con un coltello e sbollentatele per circa 2 minuti, togliendole dall’acqua e immergendole velocemente in una ciotola piena di acqua e ghiaccio, in modo che mantengano il colore verde brillante. A parte, schiacciate le patate con una forchetta fino a ridurle in purea, aggiungete il latte, un filo di olio evo, salate e pepate a piacere. Tagliate in piccoli pezzi il brie, e aggiungetelo alle patate. Mescolate il tutto con le mani. Togliete le foglie di verza dall’acqua e asciugatele con la carta da cucina. Ora, aprite la foglie, sistemate al centro il ripieno di patate e brie, richiudete partendo dal lati inferiori, proseguendo con i lati e infine il lato superiore della foglia. Posate gli involtini in una pirofila precedentemente unta con olio evo, aggiungete rosmarino e timo, pepate. Infornate a 200° per 15 minuti, dopodiché aggiungete piccoli pezzi di brie sopra gli involtini e infornate per altri 5 minuti. Bon appétit!