Up North: salmone affumicato alla barbabietola + insalata di spinacini, noci e mirtilli

It’s beginning to look a lot like Christmas. E’ praticamente natale e io avevo lasciato questo blog nove mesi fa, era marzo e la primavera esplodeva nei giardini.
Ora, scelgo volontariamente di bypassare tutte le avventure che hanno separato questo post dall’ultimo che ho scritto [esami-esami-esami-tesi], per arrivare direttamente all’oggi e all’ora. Quindici Dicembre. Uao, cosa è questo dicembre.
Innanzitutto nebbioso, perchè per chi non lo sapesse qui siamo nella felice Pianura Padana, dove a novembre già è difficile capire chi ti sta di fronte. Purtroppo di neve non se ne parla – per ora.. ma che dico, per sempre – e questo provoca enormi giravolte immaginifiche nella mia mente, che già si proietta sulle lande sconfinate della Siberia, o sù nel grande Nord, dove per grande Nord si intende Lapponia inoltrata, sù sù per la Norvegia, la Svezia e la Finlandia, dove da troppo tempo mi immagino ad affumicare salmoni e a intagliare piccole renne di legno. Di questo si parla proprio oggi, del Grande Magnifico Nord che attira gli hipster della Milano bene tanto quanto la sottoscritta. Da dove partire? Ecco, dal design accattivante, pulito ed essenziale, l’uso di materiali semplici, quasi primitivi ma emozionanti, evocativi (toctoc, Ikea, sei tu?). Una cucina raffinata e sostenibile che dialoga con i tempi della natura proponendo accostamenti particolari e innovativi. Ma soprattutto, uno stile di vita invidiabile, adattato alle esigenze climatiche e naturali. Ed ecco nascere l’hygge, un’idea di vita made in Danimarca che spopola in tutta Europa e negli Stati Uniti. E in effetti diciamo che in questo non ho propriamente scoperto l’acqua calda, dato che ormai libri dedicati a questo magico stile di vita ci stanno letteralmente invadendo ( questo, oppure questo, e ancora questo, tutti nella mia wishlist che come vedrete prossimamente non si può di certo definire modesta, eheh). Per quanto sia difficile da tradurre (ah, le meraviglie delle lingue), il sentimento che più si avvicina a comprendere veramente il significato dell’hygge è quello che si prova nell’intimità della propria casa e degli affetti più cari, sentirsi al riparo e mai giudicati, costruire l’ambiente attorno a se’ in modo che diventi il più accogliente possibile, godere delle cose belle della vita e della convivialità. Può essere hygge una candela accesa, il camino nel salotto, una zuppa calda, una tavolata affamata a natale, ma anche un picnic nell’erba verde estiva. Sì, perchè benché l’hygge veda il proprio clou nella stagione natalizia (voglio dire, tutto è più bello a natale), questo concetto ne sfida i confini e si applica ad ogni clima, luogo, nazione. Noi italiani possiamo trovarci parecchie affinità culturali – la famiglia, la convivialità, la condivisione – ma la sua particolarità risiede nella profondità della sua morale, radicata nella convinzione che, ad esempio, per essere felici (aka essere hygge) sia necessario essere se stessi, sempre; o nel fatto che sia fondamentale togliere ogni pesantezza dalle relazioni, dai confronti e discutere e condividere con leggerezza. Insomma, vivere hygge significa vivere con spensieratezza, in armonia, costruire il proprio piccolo rifugio al riparo dal mondo che violento tenta di disorientarci.

 

Assecondando il mio amore per il Grande Nord ho scelto oggi un elogio al salmone. Chi mi conosce lo sa: io venero il salmone. Lo venero in crosta di pistacchi, lo venero come filetto fasciato nei porri, ne venero la tartare, l’affumicatura, il colore acceso, il profumo, che mi ricorda la vigilia di natale, quando ancora era l’unico momento dell’anno in cui mangiavamo salmone. Ora che ne ho imposto la presenza fissa nel mio frigorifero (Omega 3, presente!), è come rivivere ogni giorno la magica vigilia di natale. E poi io credo a chi mi dice che il vero salmone non è veramente questo, che il vero salmone è quello del Grande Nord, quello affumicato lentamente con legni profumati e preziosi, pescato dai sapienti pescatori, col viso segnato dalla vita e dal vento. Un giorno assaggerò anche questo vero e autentico salmone. Per ora, mi sono lasciata ispirare da una fantastica ricetta di Sale e Pepe (ehi, redazione: io a marzo mi laureo, ce l’avete un posticino?), opportunamente modificata. Il salmone addolcito dalla barbabietola sposa la nota acidula del mirtillo, sorretto dalla croccantezza delle noci e dalla leggerezza dello spinacino. Questo è il piatto perfetto per la vigilia di natale all’insegna della convivialità nordica. Viviamo hygge.

 

Vi serviranno:

  • 100 g di salmone affumicato
  • due barbabietole rosse grandi
  • spinacini
  • noci
  • mirtilli
  • olio, sale, pepe

Il giorno prima, disponete le fette di salmone affumicato in un solo strato, comprendole completamente con fette sottili di barbabietola. Ricoprite il tutto con la pellicola trasparente e fate riposare in frigorifero. Il giorno dopo, componete un’insalata con: spinacini, barbabietole tagliate in piccoli pezzi, mirtilli, gherigli di noce tritati. Condite il tutto con sale, olio evo e limone. Scoprite il salmone, togliendo le barbabietole. Servite il salmone con un giro di olio evo, qualche goccia di limone, pepe.

Cosa ne pensi? Share the love! ♡

Related Posts